Archivia Luglio 2013

Un convegno a roma per dare risposte al disagio abitativo e per il rilancio del paese

“La politica della casa. Una risposta al disagio abitativo. Un impulso al rilancio economico del Paese”. E’ il titolo del convegno che si terrà domani, 23 luglio, a partire dalle 9:30, nella Sala Capranichetta di piazza Montecitorio 125 a Roma.
L’iniziativa è organizzata da Anci, Upi, Federcasa, Cgil, Cisl e Uil e prevede, in apertura, l’intervento del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giovanni Legnini. Tra gli interventi previsti, per Anci, quelli delegato nazionale alle politiche abitative, Alessandro Bolis, del delegato Anci Liguria alle Politiche per la Casa, Bruno Pastorino, dell’assessore alle Politiche Abitative del Comune di Torino, Elide Tisi e di Giovanni Verga della Fondazione Patrimonio Comune dell’Anci.
Previsto inoltre l’intervento di Costanza Pera, direttore generale per le Politiche Abitative del ministero delle Infrastrutture. Le conclusioni saranno affidate a Ermete Realacci, presidente della commissione Ambiente della Camera dei Deputati.

IRPEF A ZERO, IMU AGEVOLATA, CONTRATTI DI LOCAZIONE A CANONE CONCORDATO E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO A SOSTEGNO DELLA CRISI

Mantenuta la promessa ai carmignanesi: uno dei pochissimi comuni della provincia di Padova a non aver applicato l’addizionale Irpef; nessun aumento dell’IMU che vede invece aumentate le agevolazioni; consistente impegno per lavori di manutenzione del territorio comunale; invariati i finanziamenti a scuola, cultura e sociale. Questi alcuni dei punti più rilevanti del Bilancio di previsione 2013 che il Consiglio Comunale di Carmignano di Brenta ha approvato a maggioranza nella seduta dell’11 luglio. Un lavoro complesso in considerazione soprattutto degli ulteriori tagli ai trasferimenti statali che anche quest’anno colpiscono i comuni italiani e che hanno condotto a numerosi cambi di direzione, ad un maggior rigore e ad una ancor più puntigliosa verifica del programma amministrativo. La redazione del bilancio di previsione ha richiesto grandi sforzi anche a causa della situazione economica non facile, ma si è riusciti ancora una volta a mantenerlo nei limiti imposti dal patto di stabilità.

Confermata l’aliquota al 7,6% per i fabbricati adibiti ad abitazione concessi a titolo gratuito da genitore a figlio e viceversa;

Confermata la maggiore detrazione (300 euro anziché 200) per le abitazioni nel cui nucleo familiare sia presente un disabile al 100%;

Introdotta l’aliquota ridotta (7,6%) per gli immobili concessi in locazione a canone concordato, cioè il cui importo mensile non sia superiore a 300 euro/mese.

Le politiche sociali realizzate negli ultimi anni vengono mantenute e in alcuni settori implementate, confermando l’importanza e la valenza dei servizi offerti ai cittadini, dai più giovani, nella scuola e nel tempo libero, agli anziani. Al via un importante progetto sulle politiche attive del lavoro che vedrà l’impiego di notevoli risorse finalizzate al sostegno delle situazioni più difficili. Rimangono inalterati i contributi per la scuola che hanno consentito di realizzare progetti scolastici senza costi aggiuntivi per le famiglie e quelli per le associazioni e per lo sport.

Rilevante l’importo destinato alle manutenzioni, oltre 500.000 euro finalizzati alla sicurezza e al decoro del territorio: opere di asfaltature, manutenzione del verde pubblico e il rifacimento di Piazza Marconi per il quale si potrà disporre anche di un contributo di 100.000 della Regione Veneto.

Particolare attenzione sarà data, come in tutti gli esercizi finanziari dell’Amministrazione Carolo, all’edilizia scolastica, in modo particolare con il rifacimento di parte del tetto della scuola primaria, ultimo degli edifici pubblici con tetto in amianto.

Grande la soddisfazione espressa dall’Assessore al Bilancio, Umberto Carli:” “Un bilancio responsabile e sobrio, adeguato alla situazione economica attuale e che vede ancora una volta confermate le scelte fatte a favore delle fasce deboli della popolazione; parliamo di anziani, minori, ammalati, ma oggi sempre di più di interventi concreti a favore di chi ha perso il lavoro e di tutte quelle famiglie che arrivano a fine mese con sempre maggiore difficoltà. Le azioni messe in atto con questo bilancio dimostrano come per questa amministrazione prima di tutto vengano i bisogni e la sicurezza dei propri cittadini”.

Infine, il vicesindaco, Alessandro Bolis, ricorda come l’amministrazione in questi anni abbia mantenuto i conti di bilancio sempre in ordine pur avendo realizzato grandi opere come l’auditorium e il I° stralcio del polo scolastico, nonostante gli obiettivi di finanza pubblica imposti dallo stato abbiano minato fortemente la loro realizzazione. Dispiace constatare che nonostante la grandissima attenzione al sociale, famiglia e lavoro, alla manutenzione del territorio e alla sicurezza dei cittadini, i gruppi di minoranza “Insieme per Carmignano” e Lega Nord non abbiano colto la grande possibilità di essere compartecipi di azioni concrete e responsabilità.

Teatro d’estate

Con il primo giovedì di luglio ritorna, per il sesto anno consecutivo, la fortunata rassegna Teatro d’estate, inserita nel cartellone di Estate Carmignanese 2013, che dal 4 luglio all’ 8 agosto vedrà succedersi sei spettacoli che appartengono al repertorio della commedia popolare veneta.

Organizzata dall’Assessorato alla Cultura, che ha fortemente voluto questa iniziativa, in collaborazione con Reteventi Cultura, con il supporto organizzativo della Pro Loco Carmignano e di molti giovani volontari, Teatro d’estate può essere considerata una scommessa vinta, come afferma il Vicesindaco e Assessore alla Cultura Alessandro Bolis: “Il pubblico numeroso che tutti i giovedì riempie la tensostruttura di piazza Marconi, ne è la dimostrazione. Un pubblico di tutte le età, proveniente da Carmignano di Brenta ma anche dai comuni limitrofi, dimostra con la sua attenzione e con il suo entusiasmo quanto sia importante sostenere il mondo della cultura anche nei momenti di grandi difficoltà economiche che non facilitano la realizzazione di eventi come questi. La nostra amministrazione continuerà su questa strada, forte della convinzione che investire in cultura è investire nel nostro futuro e continueremo a scommettere su di essa anche se dobbiamo fare i conti con risorse sempre più limitate. Il pubblico caloroso che segue i nostri spettacoli ci conferma della bontà della nostra scelta che vuole in questo modo promuovere il teatro amatoriale veneto”.

La prima serata, giovedì 4 luglio è dedicata al grande Carlo Goldoni: la compagnia Teatro Rinascita di Paese (Tv) metterà in scena “Il bugiardo” con la regia di Renzo Santolin;

11 luglio: la Compagnia Trentamicidellarte di Villatora di Saonara con “L’incidente. Tuta colpa de l’elastico”, commedia brillante in tre atti in veneto di Luigi Lunari, adattamento e regia di Gianni Rossi;

18 luglio: Il Teatro dei Pazzi di San Donà di Piave con “Le betoneghe” di Giovanni Giusto e Giovanna Digito con la regia di Giovanni Giusto;

25 luglio: la Compagnia Teatro Tergola di Vigonza (Pd) reciterà “El congresso dei nonzoli”, commedia in tre atti in dialetto veneto di Edoardo Paoletti con la regia di Bruno Cavinato;

1 agosto: Il Satiro Teatro di Padernello (Tv) con “La ballata del barcaro”, testi e regia di Roberto Cuppone con Gigi Margedan;

8 agosto: il gruppo teatrale Carpe Diem reciterà “Stufi, poareti e scarognai”, commedia dialettale in due atti di Camillo Vittici.

Tutte le commedie si terranno nel Teatro Tenda di Piazza Marconi con inizio alle ore 21.15; l’ingresso è gratuito.